La costruzione del nuovo pozzo al villaggio di Mkongo

Nel 2008 in tutto il villaggio di Mkongo viene riscontrata una notevole scarsità d’acqua, assolutamente insufficiente all’approvvigionamento del dispensario e della vicina scuola professionale, entrambe strutture che, per ovvie ragioni, necessitano di una notevole quantità di acqua.
Su richiesta della popolazione nello stesso anno furono effettuati i lavori per la costruzione di un nuovo pozzo.

Nel 2012, durante il viaggio di condivisione, i ragazzi della “Scuola di muratori e falegnami”, si impegnarono per la canalizzazione di un tubo in polietilene, tubo che collega il tank del dispensario a quello della parrocchia, fino ad arrivare alla fontanella della scuola.
La vecchia pompa, ormai insufficiente al fabbisogno d’acqua, fu venduta per acquistarne una nuova.
Ad oggi la nuova pompa viene applicata ogni due giorni al pozzo insieme al generatore per garantire l’acqua al dispensario, alla parrocchia e ai cinquanta ragazzi della scuola Veta.

Ma perché la pompa viene tolta e rimessa ogni due giorni? Perché anche in Africa esistono i ladri e una pompa lasciata incustodita può far gola a parecchi!!

 

Cos’altro abbiamo realizzato?